25.2.17

lo Stato bara


Se c'è qualcuno a cui "piace vincere facile" è lo Stato. A parte l'odiosa campagna pubblicitaria, il potere bara e spinge molti anche al secondo significato della parola. Lo Stato abdica dalla sua funzione di tutela dei cittadini per spremerli il più possibile. Il gettito fiscale diminuisce ma le entrate del gambling no. Lo sanno bene le mafie, 50 le cosche che lavano e ottengono denaro dal gioco, sempre meno illegale, infiltrandosi nei circuiti leciti.
I dati del gioco patologico sono spaventosi: circa 800.000 persone affette in Italia, in aumento e con pari opportunità: molti minori, grazie al gioco online e il 40% dei giocatori malati sono donne. 
Ho partecipato a due convegni sul tema, visto che come assistente sociale sono tenuto alla Formazione continua. In entrambi non si è parlato di mafie: nel primo non era previsto, nel secondo "non c'era tempo". Va bene, cerco di non pensare male - ma nelle slide del convegno "mafie" compare solo nel titolo. Eppure i picciotti possono arrivare a corrompere Fiamme Gialle, giudici e politici (addirittura eleggendoli alla Colucci) come accaduto a Milano con il clan Lampada-Valle e i loro 350 video-poker truccati.
Il link alle slide sopra è abbastanza esaustivo sul "GAP" e qua e là in rete si trova il legame mafie-gioco d'azzardo patologico. Mi limito a osservare che se i Servizi Tossicodipendenze si occupano di questa dipendenza da più di un decennio, è difficile pensare a come contrastare un fenomeno terribile e così diffuso, se invece di regolamentare e controllare lo Stato si preoccupa solo di fare soldi. Un vero eroe non è un Mangano o un Dell'Utri, ma, come canta Caparezza, ognuno di noi quando non cede alle lusinghe illusorie di una "facile", criminale ricchezza.

       

Nessun commento:

Posta un commento